Menu Chiudi

Un weekend alla scoperta di Scanno, uno dei borghi più belli d’Italia col suo lago a forma di cuore

lago di Scanno

Un weekend alla scoperta di Scanno, uno dei borghi più belli d’Italia

Sapevate che in Abruzzo esiste un lago a forma di cuore? Il lago di Scanno è un luogo assolutamente da scoprire e vi stupirà non solo per la sua bellezza naturale, ma anche per l’aria magica che circonda questo magnifico luogo nascosto tra le montagne Marsicane. Adagiata tra valle del Sagittario, la Montagna Grande e il Monte Godi, la città di Scanno è un vero e proprio incanto ai confini del Parco Nazionale d’Abruzzo.

Lago di Scanno
© stock.adobe.com

 


Stradine strette, casette addossate, viuzze che si affacciano sulle pendici delle montagne…e intorno il silenzio. Tutto questo è Scanno, eletta uno dei borghi più belli d’Italia e, non a caso, meta prediletta dai fotografi di tutto il mondo, dove è ancora possibile vedere donne anziane in abiti tradizionali. Andiamo a scoprire questa meravigliosa cittadina e il suo splendido lago.

 

Le origini del lago di Scanno

Il lago di Scanno è il più grande lago naturale d’Abruzzo. Non tutti sanno, infatti, che la maggior parte dei laghi della regione sono stati creati artificialmente per generare elettricità. Il lago Scanno, invece, si è formato naturalmente a causa di una frana sul monte Genzana, che ha bloccato il corso del fiume Tasso, allagando la valle circostante e dando origine a questo splendido lago.


Grotta lago di Scanno
© stock.adobe.com

 

Il lago di Scanno si trova a circa 922 metri sul livello del mare e non sorprende quindi, a causa dell’altitudine, che in inverno sia ghiacciato. Si trova nella lussureggiante valle del Sagittario tra i villaggi di Villalago e Scanno. Una meraviglia da vedere e da scoprire.

 

Come vedere a Scanno

Il lago di Scanno

Il lago Scanno, con una profondità massima di 32 metri, ha vinto la bandiera blu ed è quindi completamente adatto per il nuoto. C’è una spiaggia attrezzata dove è possibile trascorrere momenti di puro relax, percorsi per mountain bike con la possibilità di noleggiare biciclette e risciò, un’area giochi per bambini, un parcheggio per camper, barche a remi e canoe. È possibile anche fare windsurf.


Foto del lago di Scanno a forma di cuore.
© stock.adobe.com

 

Il lago è ricco di flora e fauna, infatti le sue tipiche acque color smeraldo sono dovute alla presenza di alghe e alla vegetazione delle montagne circostanti che si riflette direttamente sul lago. Poiché è pieno di pesci, in particolare di pesce persico e trote, nel lago è possibile praticare la pesca, secondo un regolamento intercomunale con una tariffa specifica prevista su base giornaliera, settimanale, mensile o base annuale.

Lago di Scanno foto.
© stock.adobe.com

 

Inoltre, potrete rimanere incantati dal volo di numerose specie di uccelli come gufi, falchi e aquile reali, quindi è una destinazione ideale per gli amanti del birdwatching.

 


Il centro storico

Se cercate scorci incantevoli per spunti fotografici, il centro storico di Scanno non potrebbe essere più adatto.

Centro storico di Scanno.
© stock.adobe.com

 

Pensate che proprio qui esiste addirittura la Via dei fotografi, così chiamata perché, da questo punto, si possono scattare foto del borgo da una delle vedute più affascinanti del posto.

© stock.adobe.com

 

Passeggiando nel centro storico troverete anche molte botteghe orafe, molto diffuse a Scanno, dove dovrete per forza fermarvi per una sosta ed ammirare la filigrana d’oro locale, di una bellezza senza pari. Continuando a camminare, di sicuro noterete donne anziane che indossano ancora i costumi tradizionali del borgo. Fotografatele. Per gli appassionati di fotografia questa vista sarà una vera gioia.


© stock.adobe.com

 

Il Santuario della Madonna del Lago

La Chiesa della Santissima Annunziata, meglio conosciuta come Santuario della Madonna del Lago, è una piccola chiesa situata sulle rive del lago di Scanno. Dall’esterno potrebbe sembrarvi nuda e quasi anonima, ma l’interno vi sorprenderà. L’altare si trova infatti su una parete di roccia naturale su cui sono posti diversi omaggi alla Vergine in segno di devozione da parte della gente del posto.

© stock.adobe.com

 

Secondo il folklore popolare, la Madonna avrebbe compiuto miracoli e guarigioni, tanto che il suo culto è profondamente sentito a Scanno, Villalago e Frattura di Scanno, che celebrano la festa della Madonna del Lago il 25 marzo di ogni anno. Anche il luogo in cui è nata la chiesa sembra essere collegato a una leggenda popolare. Davvero suggestivo!

 


L’ Eremo di Sant’Egidio e il sentiero del cuore

L’Eremo di Sant’Egidio è un altro posto molto caro alla gente del posto perché il Santo ha liberato il paese dalla peste del 1656. Negli anni, l’eremo ha ospitato i frati eremiti ma anche gli uomini caduti in povertà che vi hanno trovato riparo e possibilità di sopravvivere.

© stock.adobe.com

 

L’eremo si trova in una magnifica posizione panoramica, il suddetto Sentiero del Cuore, facilmente raggiungibile camminando a piedi. E’ un’ escursione che vi consigliamo vivamente di fare che, con un minimo sforzo, vi permetterà di ammirare le bellezze paesaggistiche di una delle zone più belle e singolari d’Italia.

 

Il Museo della Lana

Il Museo della Lana, anche conosciuto come museo del popolo, ancora conserva oggetti della vita quotidiana di Scanno nel periodo compreso tra il 1880 e il 1930.

© stock.adobe.com

 

Raccoglie i ricordi del paese e gli strumenti antichi che le persone del posto lasciano nel museo per dare un contributo nel raccontare la propria storia. In più, vi sono stati ricostruiti ambienti di una tipica casa di pastori, formata di solito da una cucina, una camera da letto, una stanza del telaio e una cantina. Un vero e proprio viaggio nel tempo.

 

La valle del Sagittario e il lago San Domenico

Con spettacolari gole e splendide sorgenti d’acqua che scendono tra le scogliere calcaree scavate dal fiume, la Valle del Sagittario è una riserva naturale regionale situata intorno ad Anversa degli Abruzzi (nella provincia di L’Aquila). E’ proprio in questo paradiso che D’Annunzio vide lo scenario ideale per la sua opera “La fiaccola sotto il moggio”.

© stock.adobe.com

 

L’area copre circa 400 ettari ed è un tesoro naturale totalmente incontaminato. Un profondo canyon fornisce anche un riparo per gli orsi, minacciati dalla frammentazione delle foreste. Un tuffo nella natura viva e nello splendido lago, color verde smeraldo, di San Domenico.

 

Cosa non perdere nei dintorni di Scanno

Una passeggiata a Castrovalva tra i suoi pochissimi abitanti

Castrovalva è nascosta tra le montagne abruzzesi e vanta una popolazione di sole 19 persone. Ha visto il suo apogeo nel Medioevo quando si trovava su una percorso di transumanza ovina che attraversava le montagne abruzzesi. Disegnata nel 1930 dall’artista olandese Escher, oggi la popolazione del villaggio arriva a contare oltre 200 persone in estate.

© stock.adobe.com

 

Per attirare più turismo, alcuni anni fa è stato girato un video non propriamente “ortodosso”: un gruppo di pensionati seduti in panchina in uno sperduto villaggio di montagna in Italia ha deciso di attirare i visitatori con un video in cui ballano la canzone Hot stuff di Donna Summer. Il video è diventato virale su Youtube con oltre 33.600 visualizzazioni e da quel momento questo minuscolo paesino è diventato famoso. Dateci un’occhiata!

© stock.adobe.com

 

Una sosta a Villalago

Villalago, come Scanno, è un paese che figura tra i borghi più belli d’Italia. Conta solo 632 abitanti che vivono in un centro storico incantato, organizzato come un anfiteatro con punti pittoreschi, scale, vicoli e piazzette che creano un’atmosfera magica, soprattutto di notte.

© stock.adobe.com

 

I vari percorsi che attraversano i boschi  vi catapulteranno in scenari mozzafiato. In più, il calore e la simpatia delle persone di montagna, custodi di antiche tradizioni artigianali e folkloristiche, arricchisce e valorizza maggiormente questo incantevole paesino. Da visitare!

© stock.adobe.com

 

Leggende e curiosità popolari sul lago di Scanno

Il lago di Scanno è avvolto da una serie di misteri e curiosità, che rendono questo luogo ancora più suggestivo. Prima di tutto, c’è il mito che il lago Scanno abbia la forma di un cuore. In realtà non è vero, ma da alcuni punti panoramici è possibile vederlo in quella forma. C’è un sentiero chiamato Sentiero del cuore, che vi permetterà di raggiungere il punto panoramico più bello del lago in un’ora. Escursione altamente raccomandata ed adatta a tutti. Lungo la strada incontrerete anche l’Eremo di Sant’Egidio. Altre leggende locali sono legate alla nascita del Lago Scanno, descritto come un fenomeno soprannaturale che si è verificato per difendere le piccole comunità locali dagli attacchi esterni.

© stock.adobe.com

 

Secondo un’antica leggenda, il lago di Scanno si formò durante uno scontro tra i romani e il re del posto Battifolo. Vedendo il suo esercito in difficoltà, invocò l’aiuto del mago Bailardo che, attraverso un incantesimo, coprì il campo nemico con acqua, creando il Lago Scanno. In un’altra leggenda Pietro Baialardo, innamorato della fata Angiolina, ordinò il suo rapimento e, per sfuggire ai rapitori, la fata creò un lago sotto i loro piedi. Recentemente, Scanno è stato custode di strani fenomeni: il livello dell’acqua si è ridotto di circa sei metri in meno di un anno, le bussole dei subacquei non segnalano più il nord una volta immerse nel lago, i pesci  muoiono improvvisamente, un oggetto non identificato giace seppellito nel fondo dell’acqua e, infine, armi e munizioni dell’ultima guerra sono riemerse dopo quasi settant’anni. Sebbene molti di questi eventi abbiano poi trovato una spiegazione, non possiamo negare che ci sia un’atmosfera magica e misteriosa intorno a questo lago!

 

Cosa mangiare a Scanno

A Scanno, come in tutto l’Abruzzo, troverete dell’ottimo cibo. Non potrete assolutamente non provare il Pan dell’Orso, il dolce tipico di Scanno, ovvero una torta fatta con tre diverse farine (di patate, di mandorle e di grano duro), burro, miele, zucchero, e aromi di mandorle, arancia e limone. Provatelo all’omonima pasticceria di Scanno, dove potrete degustare anche tantissimi altri dolci buonissimi, come i mostaccioli, anch’essi tipici, a base di mandorle e pan di spagna, ricoperti di cioccolato fondente.

© stock.adobe.com

 

Se invece siete amanti del salato, a Scanno potrete trovare decine di piatti adatti per voi: dagli arrosticini di pecora alle lasagne e, per finire, tanta carne alla brace…avrete l’imbarazzo della scelta!

© stock.adobe.com

 

Come raggiungere il lago di Scanno

Il lago Scanno si trova a poco più di 30 km da Sulmona e a soli 20 km dall’uscita Cocullo dell’autostrada A25 Roma-Pescara. Una volta usciti a Cocullo, proseguite verso Scanno. Se viaggiate in autobus, è preferibile arrivare a Sulmona e proseguire con la compagnia di trasporti locale (TUA) per Scanno. Da lì il lago è facilmente raggiungibile a piedi in circa dieci minuti.

 

L. Bastianiello
Appassionato di viaggi e di nuove scoperte.
Avatar

Latest posts by L. Bastianiello (see all)