Menu Chiudi

Narni: tra il verde delle colline e siti ricchi di storia! Ecco cosa scoprire

Narni: tra il verde delle colline e siti ricchi di storia

Narni: cose da vedere per un weekend a “Narnia”

narni
© stock.adobe.com

 

Situata nel cuore dell’Umbria, nella provincia di Terni, Narni è considerata uno dei borghi più belli d’Italia ed è conosciuta anche nel mondo fantasy in quanto lo scrittore C.S. Lewis prese il nome latino del borgo, Narnia, e lo usò per creare il suo mondo magico. Questa magia la troviamo anche nel mondo reale perché qui sembra che il tempo si sia fermato grazie al suo aspetto medievale, con edifici e strade in pietra.


Ideale se vorrete passare un weekend in tranquillità, circondati da verdi colline umbre ma anche da monumenti e siti ricchi di storia. Ecco dunque cosa visitare nella vera Narnia!

Narni vista panoramica colline verdi.
© stock.adobe.com

 

A spasso per il medioevo

Rocca Albornoz, Narni
© stock.adobe.com

 


Iniziamo dalla Rocca Albornoz, una fortezza che successivamente divenne la dimora di papi, cardinali e condottieri. Costruita per volere del cardinale spagnolo Egidio Alvarez Albornoz nel XIV secolo, si trova sul punto più alto del borgo con l’intento di controllare il vasto territorio.

Pagando un biglietto dal prezzo di 6€ avrete accesso sia alla Rocca che al Parco tematico medievale dell’Umbria dove, durante le manifestazioni storiche, si tengono spettacoli a tema, danze storiche medievali ma anche giochi a tema quali il tiro con l’arco.

Compreso nel biglietto, avrete la possibilità di visitare anche il Museo di Palazzo Eroli, un palazzo settecentesco che ad oggi contiene bellissime opere sia di arte antica e rinascimentale. Diviso due parti, potrete visitare la sezione archeologica che potrete ammirare reperti che vanno dalla Preistoria fino al Rinascimento e infine la pinacoteca.

© stock.adobe.com

 


Proseguendo per il centro storico, in Piazza Garibaldi potrete ammirare una fontana poligale con un catino di bronzo del Trecento sebbene l’intera struttura venne rifatta nel XVI secolo a seguito di un saccheggio avvenuto nel 1527.

La fontana, inoltre, testimonia la presenta di un’antica cisterna medievale.

Narni
© stock.adobe.com

 

Sulla piazza si affaccia anche il Duomo di San Giovenale, costruito a partire dal 1047 sui resti di un primo edificio di culto dedicato al santo con annesso cimitero, e nella cripta al suo interno (costruita nel 1642) potrete ammirare le reliquie di San Giovenale.

© stock.adobe.com

 


Piccolo gioiello è anche la chiesa di San Francesco, costruita a partire dal 1226 in onore al Santo (morto in quell’anno) che aveva alloggiato a Narni per qualche giorno nel 1213. Piena di affreschi trecenteschi sia nei pilastri che all’interno delle cappelle e tra queste spicca la Cappella Eroli, decorata a partire dal 1461 sia sulla parete destra che su quella sinistra con gli episodi più importanti della vita del Santo.

 

Gli antichi romani a Narnia

Oltre al medioevo, è possibile dare uno sguardo anche all’antica Roma. Percorrendo la via Flaminia, giungendo vicino al fiume Nera, è possibile ammirare l’unico pezzo rimasto intatto del Ponte di Augusto, costruito per suo volere nel 27 a.C. È un vero capolavoro dell’architettura romana, alto ben 30 m. e largo 160 m. Percorrendo la Flaminia vedrete anche gli alti due piloni rimasti, il cui arco centrale crollò nel 1055.

© stock.adobe.com

 

Se non soffrite di claustrofobia e non avete patologie importanti, non potete perdervi la visita al sotterraneo acquedotto romano “Formina” costruito nel 27 d.C. Organizzata e gestita dall’associazione Subterranea, partendo da Piazza Garibaldi percorrerete un percorso lungo 13 km che attraverserà le colline e i monti circondanti Narni.


Se invece preferite qualcosa di meno avventuroso allora potrete visitare i Sotterranei di Narni, gestiti dalla medesima associazione. Partendo dalla chiesa di San Domenico potrete visitare gli ipogei scoperti a partire dagli ’70 nonché anche una chiesetta decorata con gli affreschi più antichi della città, i resti di un’antica domus romana e persino gli ambienti utilizzati dalla Santa Inquisizione.

A causa del Coronavirus, al momento la visita dell’acquedotto è sospesa mentre invece è possibile visitare i Sotterranei previa prenotazione sul sito dell’associazione https://www.narnisotterranea.it/ e pagamento di un biglietto al prezzo di 6€. Sono ammessi anche i vostri amici a 4 zampe purché siano al guinzaglio.

 

Come arrivare a Narni

Per chi volesse raggiungerla in auto basta che prendiate l’autostrada A1 Roma-Milano con uscita a Orte, da nord, o Magliano Sabina, da sud. Quando si esce a Orte prendere la E45 fino all’uscita per Narni.

Per chi invece volesse arrivarci in treno dovrà prendere l’asse ferroviario Roma-Perugia o Roma-Ancora e scendere alla stazione di Narni-Amelia. Da Firenze, invece, prendere la tratta Firenze-Roma con cambio a Orte.


Ambrogia

Latest posts by Ambrogia (see all)