Menu Chiudi

Castiglioncello: un bel weekend tra mare e pinete


Castiglioncello: un weekend tra mare e pinete

Se cercate un posto dove trascorrere le vacanze estive, dove poter godere di un mare azzurro quasi caraibico ma anche delle pinete dove passeggiare in tranquillità e soprattutto al fresco, Castinglioncello è la meta adatta a voi!

Foto di Castiglioncello
© stock.adobe.com

 


Frazione di Rosignano Marittimo, si affaccia sul Mar Tirreno ed è stato negli anni ’60 e ’70 punto di riferimento per le grandi star del cinema quali Alberto Sordi e Marcello Mastroianni e le sue strade hanno fatto da set per il famoso film “Il sorpasso” con Vittorio Gassman.

 

Le baie e il lungomare di Castiglioncello

Punto caratteristico di Castiglioncello è la Baia del Quercetano, poco distante da Punta Righini, il cui punto di accesso consiste in una scaletta intagliata in un tratto dei Monti Livornesi.


Le baie e il lungomare di Castiglioncello
© stock.adobe.com

 

Spesso viene utilizzato dagli studenti di geografia come esempio per studiare la morfologia delle rocce. Circondata da scogli, vi si presenterà davanti una bellissima spiaggia ambrata attrezzata a dovere per la stagione estiva.

lungomare di Castiglioncello
© stock.adobe.com

 

Se in alcuni punti i bagni sono caratterizzati da spiagge bellissime, in altri abbiamo la presenza di scogli di origine vulcanica che di certo non impediscono ai bagnanti di prendere la tintarella o di tuffarsi nel mare sottostante, considerando che i punti liberi purtroppo sono pochi.


Spiagge di Castiglioncello
© stock.adobe.com

 

Punto da non perdere è il Lungomare Alberto Sordi, dove potrete godervi una passeggiata romantica ammirando il tramonto e ascoltando il rumore del mare unito ai suoni della natura delle pinete. Dal Lungomare arriverete al Belvedere Alberto Sordi dove si ha una magnifica vista sul litorale e, quando c’è una giornata soleggiata, è possibile intravede le due isole di fronte la costa: Gorgona Scalo e l’Isola Capraia.

 

Le pinete

Punto di ristoro dopo le ore passate al sole o ideali dove fare un pic-nic sono le pinete. Le più importanti sono due: la pineta Marradi dove è possibile trovare anche qualche bancarella dove poter acquistare libri, oggettistica e dolciumi (come i famosi brigidini, tipici della Toscana), sedersi sulle panchine e rilassarsi al canto degli uccellini. Recentemente, l’AVIS (la sede di Rosignano Solvay) vi ha installato delle nuove panchine per i disabili. Nel periodo estivo, all’interno viene organizzato il cinema sotto le stelle.

© stock.adobe.com

 


L’altra è la pineta Pasquini, dal nome del castello che la sovrasta. Fu costruito a partire dal 1889 come residenza del barone Lazzaro Patrone, il quale ha ceduto parte dei terreni per la costruzione della stazione ferroviaria. Originariamente, la zona faceva parte dei terreni di Diego Martelli, il critico d’arte fondatore della Scuola di Castiglioncello sull’arte dei Macchiaioli.

 

Il castello fu costruito imitando lo stile medievale e non è visitabile in quanto all’interno sono presenti uffici amministrativi e in una sala vengono celebrati i matrimoni.

© stock.adobe.com

Nel parco sono presenti anche una ex cappella (non visitabile) e un piccolo anfiteatro utilizzato per manifestazioni ed eventi culturali come per esempio il Premio letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi oppure dei concerti.

 


La Torre

© stock.adobe.com

Costruita a partire dal 1540 come punto di avvistamento, la Torre di Castiglioncello, una volta istituito il Capitanato nuovo di Livorno nel XVII secolo, controllava la parte meridionale del territorio. Quando la Toscana divenne Granducato, si trasformò in sede di un presidio di corazzieri  quali la utilizzarono anche come punto di difesa.

Sul finire dell’800 il conte Gualtiero Danieli vi edificò attorno la propria villa in stile medioevale, come il Castello Pasquini.

 

Come arrivare a Castiglioncello

Per chi volesse raggiungerlo in aereo, occorrerà atterrare all’aeroporto di Pisa. Da lì una monorotaia (il PisaMover, previa pagamento di un biglietto dal prezzo di 5€) vi lascerà all’interno della Stazione Centrale.

Ed è proprio dalla stazione centrale di Pisa che è possibile raggiungere Castiglioncello col treno, prendendo l’asse ferroviario diretto a Grosseto.


Per gli auto muniti occorrerà percorrere la A1, quindi per chi arriva da Roma prendere la E80 verso Pisa e poi la SS1 Rosignano Solvay-Castiglioncello; per chi arriva da Milano prendere la E80 dalla Spezia fino alla Statale SS1.

Ambrogia

Latest posts by Ambrogia (see all)